BLOG
23 ottobre 2017

Gio Ponti_ Biografia

by architetto

Giovanni Ponti, detto Gio (Milano, 18 novembre 1891 – Milano, 16 settembre 1979), è considerato uno dei maestri dell’architettura italiana, ed è stato anche designer e saggista, tra i più importanti del XX secolo.
Alle grandi opere architettoniche che portano la sua inconfondibile firma, si affianca una vasta produzione nel settore dell’arredo, come testimoniano anche le sue tre abitazioni milanesi, completamente arredate “alla Ponti”: quella in via Randaccio nel 1925, Casa Laporte nel 1926 in via Brin e l’ultima, nel 1957, in via Dezza, “manifesto” del suo design domestico. Gio Ponti, promotore dell’ industrial design italiano, propone la produzione in serie nell’arredo d’interni come soluzione “sofisticata”, economica, “democratica” e moderna.
Molteni&C cura un progetto di riedizione di mobili e arredi disegnati da Gio Ponti, alcuni originariamente prodotti proprio per queste abitazioni private o comunque per piccole serie. Dopo un lungo percorso di ricerca, selezione e studio dei prototipi, La collezione viene presentata in occasione del Salone del Mobile 2012, grazie alla collaborazione e all’accordo firmato in esclusiva con gli eredi Ponti e alla direzione artistica dello Studio Cerri & Associati.

Gio Ponti si laurea in Architettura al Politecnico di Milano alla fine della prima guerra mondiale, cui partecipa in prima linea guadagnandosi alcune decorazioni sul campo. Nel 1921 sposa Giulia Vimercati, con la quale avrà quattro figli: Lisa, Giovanna, Letizia e Giulio. Nel 1927 apre lo studio a Milano con l’architetto Emilio Lancia. Dagli inizi degli anni Venti fino al 1938 collabora con la Manifattura Richard-Ginori, rinnovandone la produzione. Nel 1928 fonda con Gianni Mazzocchi la rivista Domus. Nel 1933 assume la direzione artistica di Fontana Arte, un altro successo dopo quello ottenuto con Richard-Ginori.
Negli anni Trenta partecipa alle Triennali e ne cura alcune edizioni di successo. Dal 1936 fino al 1961 è docente del Politecnico di Milano e nel 1933 si associa con Antonio Fornaroli ed Eugenio Soncini, fino al 1945. Da questo sodalizio nascono importanti progetti, tra cui il Palazzo Montecatini a Milano del 1936-1938, in cui Ponti realizza la “progettazione integrale” dell’edificio e degli interni. Altre opere del periodo sono architetture civili, tra cui la Torre Littoria a Milano del 1933, edifici scolastici come la Scuola di Matematica alla Città Universitaria di Roma del 1934 e la Facoltà di Lettere e il Rettorato dell’Università di Padova del 1937, e residenziali come Casa Marmont del 1934 e le “Domus” del 1931-1936 a Milano.
Nel 1941, abbandonata la direzione di Domus, fonda la rivista Stile. Nel 1952 nasce lo Studio Ponti-Fornaroli-Rosselli e nel 1954 è cofondatore, accanto ad Alberto Rosselli, della rivista Stile Industria.
Negli anni Cinquanta Ponti conosce “una nuova giovinezza” creativa. Ne sono testimonianza il secondo Palazzo Montecatini (1951), gli arredi del transatlantico “Andrea Doria” (1952), gli interni e la piscina dell’Hotel Royal di Napoli (1953), l’Istituto Italiano di Cultura a Stoccolma (1954), le ville a Caracas, Villa Planchart (1955) e Villa Areazza (1956), e a Teheran, Villa Nemazee (1960). È del 1956 il suo capolavoro: il Grattacielo Pirelli di Milano.
Negli anni Sessanta si sposta in Oriente dove realizza gli edifici ministeriali di Islamabad in Pakistan (1964) e la facciata dei grandi magazzini Shui-Hing a Hong Kong (1963). Sempre di questi anni sono l’Hotel Parco dei Principi di Sorrento (1960) e di Roma (1964) e la chiesa di San Francesco (1964) e di San Carlo Borromeo (1966) a Milano. Negli anni Settanta, a ottant’anni, Gio Ponti realizza ancora architetture importanti, come la Concattedrale di Taranto (1970) e il Museo di Denver (1971), e arredi, come “la poltrona di poco sedile Gabriela” del 1971.

“L’Architetto d’oggi,  l’Architetto universitario,  impari da tutti gli artigiani: impari dal marmista (le superfici lucide, levigate, a martellina, a bocciarda, a scaglia), impari dal falegname, dallo stuccatore, dal fabbro, da tutti gli operai e gli artigiani (è bellissimo)“.

 

“Impari le cose fatte con le mani.
Nulla che non sia prima nelle mani.
Impari anche, l’Architetto, dall’artigiano come si ama il mestiere: com’è bello farlo per farlo.
L’arte per l’arte è lì, non è in una forma di arte senza contenuto, ma è nella felicità di farla“.

Gio Ponti  da ” Amate l’architettura ” (Pag. 111-112).

 

Arredi disegnati dal Gio Ponti disponibili presso il nostro showroom.

 

 

Share this:

Leggi anche

9 giugno 2017

” La salute vien dormendo “

Il sonno è incredibilmente importante, addirittura indispensabile per la nostra sopravvivenza, permette il recupero delle energie, ma anche il consolidamento della memoria.

Read More

4 giugno 2017

Come progettare una cucina

Per progettare una cucina con intelligenza, ricordatevi che l’acquisto di una cucina è un evento importante nella vita di una famiglia.

Read More

2 febbraio 2017

Una cucina senza maniglie

Bruno Interni vi presenta la VVD Kitchen Dada di Vincent Van Duysen, una cucina senza maniglie sofisticata e minimalista.

Read More